Per i cittadini con meno di 35 anni il decreto Infrastrutture ha introdotto il bonus patente 2022. Ma di cosa si tratta? A chi spetta esattamente? E come richiederlo?

Bonus patente, 1.000 euro di contributo per gli under 35

Il bonus patente 2022 è un rimborso che può arrivare a 1.000 euro ed è finalizzato a coprire i costi della scuola guida.

Nel dettaglio, il bonus patente è un contributo fino a 1.000 euro – con una copertura al 50% delle spese – a titolo di rimborso delle spese sostenute e documentate per il conseguimento della patente e delle abilitazioni professionali per la guida di veicoli destinati all’attività di autotrasporto di merci. Quindi, ad esempio, su una spesa di 2.000 euro per conseguire la patente per gli autoarticolati è possibile ricevere un rimborso di 1.000 euro.

Il bonus patente 2022 è nato con l’obiettivo di sostenere un settore che è stato duramente colpito dalle restrizioni legate alla pandemia e dare un sostegno all’occupazione.

Bonus patente, a chi spetta

Per poter beneficiare del bonus patente 2022 bisogna avere meno di 35 anni, risultare disoccupati e percepire il reddito di cittadinanza o altri ammortizzatori sociali. Il bonus patente, in particolare, è destinato agli under 35 che desiderano conseguire la patente per lavoro, quindi per diventare autotrasportatori.

Ma come ottenere il bonus patente 2022? Per ottenere il contributo è necessario dimostrare di avere stipulato, entro tre mesi dal conseguimento della patente o dell’abilitazione professionale, un contratto di lavoro in qualità di conducente con un operatore economico del settore dell’autotrasporto di merci, per un periodo di almeno sei mesi.

Si ricorda che il bonus patente 2022 è un rimborso, quindi i beneficiari dovranno anticipare i costi, che verranno coperti dal bonus se sostenuti entro il 30 giugno 2022.

Bonus patente 2022, come richiederlo

Per richiedere il bonus patente 2022 il governo predisporrà un’apposita piattaforma tramite la quale sarà possibile inoltrare la propria domanda per ricevere il rimborso. L’incentivo può essere richiesto fino al 30 giugno 2022.

 

Come funziona il Bonus Patente per Autotrasporto merci

  • * Per il Bonus Patente è previsto un contributo, fino a un massimo di 1.000 euro, ai giovani fino a 35 anni e a coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza o ammortizzatori sociali, come rimborso di parte delle spese sostenute per conseguire la patente di guida per i veicoli destinati all’autotrasporto delle merci o le altre abilitazioni professionali richieste. Il contributo, che non può comunque superare il 50% delle spese sostenute e documentate ed è riconosciuto fino al 30 giugno 2022, è volto a incentivare l’inserimento di giovani nel mercato del lavoro in un settore che soffre di carenza strutturale di autisti. Per percepire i contributi è necessario che i richiedenti dimostrino di aver stipulato, entro e non oltre 3 mesi dal conseguimento della patente, un contratto di lavoro in qualità di conducente nel settore dell’autotrasporto per un periodo di almeno 6 mesi.
  • * Vengono previste semplificazioni in materia di trasporti eccezionali e particolari agevolazioni per i veicoli in dotazione alla protezione civile e agli enti del terzo settore, ai quali è consentito l’uso di un rimorchio per il trasporto di cose che, fermo restando i limiti massimi, può avere larghezza superiore a quella del veicolo trainante.

    *
    In considerazione degli effetti negativi derivanti dall’emergenza COVID-19, viene previsto l’esonero dal versamento di contributo per l’esercizio finanziario 2022 da parte degli operatori economici operanti nel settore del trasporto.

Come fare domanda del Bonus Patente

Un decreto del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile stabilierà  i termini e le modalità per presentare fare la domanda. Dovrà essere adottato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Infrastrutture e sarà rivolto a tutti coloro che sono in possesso dei requisiti. Il decreto definirà pure le modalità in cui la misura verrà erogata.